Mappe che disorientano

June 20, 2021
Fonte: Il Giornale dell’Arte

Follow by Email
Facebook
LinkedIn

 

Nelle sue grandi tele, Julie Mehretu crea nuove narrazioni usando come punto di partenza una moltitudine di fonti tra cui fotografie d’archivio, griglie di pianificazione urbana, fumetti, calligrafia cinese e giapponese, graffiti, arte e architettura modernista. Le opere di Julie Mehretu circolano stabilmente nel mercato secondario dal 2003 e da allora l’artista ha fatturato circa $48 milioni, di cui oltre 45% nel triennio 2013-2015. Le opere più quotate dal mercato sono i dipinti dei primi anni 2000, in cui le prospettive, i piani e le stratificazioni si moltiplicano per raffigurare l’idea di metropoli contemporanea in perenne movimento.

 

 

 

Photo: Julie Mehretu, Black City, 2007. Courtesy Pinault Collection, Parigi. © Julie Mehretu